Acqu@tube, per il secondo anno consecutivo Acque Veronesi premia progetti ed idee su un uso consapevole e responsabile delle risorse idriche

Tra i banchi di scuola di tutta la provincia, un concorso sull’ “Oro Blu” del terzo millennio.
Dopo il grande successo dell’anno scorso, si è conclusa la seconda edizione di Acqu@tube. Un progetto di Acque Veronesi che si è articolato in laboratori didattici, visite guidate, attività di gruppo con personale specializzato, esperimenti, e la realizzazione di video, cartelloni, brochure e diapositive per educare le famiglie ad un  uso responsabile ed intelligente dell’acqua. Il percorso didattico ha coinvolto sette istituti superiori di Verona e provincia, per un totale di quindici classi. Complessivamente l’iniziativa ha interessato oltre cinquecento studenti. Una giuria, presieduta da esperti e tecnici di Acque Veronesi, del museo di Scienze Naturali di Verona e dell’Ecosportello del Comune scaligero, ha voluto premiare i lavori di tre classi che si sono contraddistinti per originalità, efficacia del messaggio e fruibilità. Gli alunni, grazie al supporto degli insegnanti, hanno elaborato analisi, ricerche e opere artistiche interamente dedicate all’ “oro blu”, con particolare attenzione al consumo dell’acqua del rubinetto (quella di Verona, secondo numerosi studi, è una delle migliori d’Italia). Ad aggiudicarsi il primo premio del concorso e un assegno di 1.500 euro - contributo che Acque Veronesi ha voluto mettere a disposizione in un periodo in cui le scuole sono costrette a far i conti con una significativa carenza di fondi - è stata la classe 3°F del Liceo Messedaglia di Verona. Secondo e terzo gradino del podio, e rispettivamente 1.000 e 500 euro di premio ciascuno, per la classe 1°E dell’istituto tecnico commerciale Pasoli di Verona e per la 1°A dell’istituto tecnico commerciale Bolisani di Isola della Scala. Le scuole Galileo Ferraris e Copernico hanno inoltre vinto la fornitura per un anno di acqua mediante un erogatore di acqua fresca e gasata. Inoltre a tutti i finalisti e ai loro insegnanti sono stati consegnati attestati e alcune pubblicazioni sulla storia dell’acqua di Verona. Durante l’anno scolastico, l’approccio degli esperti di Acque Veronesi nei confronti degli alunni è stato chiaro e diretto. Gli studenti hanno potuto conoscere così sia l’aspetto gestionale, che quello della composizione chimica dell’acqua, approfondendo temi fondamentali come la gestione integrata ed i suoi relativi costi, la struttura del sistema fognario e i principali trattamenti delle acque di scarico urbane. Oltre alle scuole premiate, hanno preso parte all’iniziativa anche gli istituti Silvaricci di Legnago e Dal Cero di San Bonifacio. «E’ bello vedere come i temi legati all’ambiente ed in particolare all’acqua interessino sempre di più alle nuove generazioni», ha detto il Presidente di Acque Veronesi, Massimo Mariotti,  che ha personalmente premiato gli studenti. «I primi progetti di educazione ambientale devono iniziare proprio sui banchi di scuola. L’iniziativa, giunta alla seconda edizione, sarà sicuramente ripetuta anche nei prossimi anni».

comments