Mar12122017

Last updateGio, 30 Nov 2017 1pm

La settimana dell’agonia prima della ricorrenza dei morti

TORQUATO CARDILLI - Ho la sensazione che la stella di Renzi abbia imboccato la parte discendente della parabola non solo in Italia, ma sanche in Europa e nel ristretto club del G7 e delle super potenze.
Nel vecchio continente prevale su tutto e su tutti il triangolo Merkel-Hollande-Cameron a cui la Mogherini tenta di aggrapparsi come la coda dell’aquilone in posizione subordinata, coreografica, senza alcun effetto né per l’Italia che le ha fatto assegnare il ruolo di alto rappresentante per la politica estera europea, né per le decisioni che le vengono comunicate come già prese.
Nel quadrilatero dei paesi che contano nel mondo, soprattutto per la forza militare, economica, industriale, demografica, di prodotto interno lordo, di ricerca e innovazione tecnologica Giappone-Cina- Russia-USA, Renzi non può nemmeno affacciarsi.
In entrambi gli scenari il nostro primo ministro viene snobbato nonostante il suo affannarsi a pagare dazio in modo ubbidiente e senza pudore, nell’accettare tutte le richieste di partecipazione agli sforzi militari provenienti da Washington o dalla Nato, che poi è la stessa cosa, in Afghanistan e in Iraq oppure nell’accogliere tutti i profughi salvati in Mediterraneo dalle navi degli alleati che potrebbero benissimo portarseli a casa loro.
Ha provato a lanciare il ballon d’essai ventilando l’ipotesi di avere un ruolo guida nella stabilizzazione della Libia e si è visto con quale durezza gli sia stata chiusa la porta in faccia. Il successore di Leon, quale rappresentante dell’ONU nel difficile negoziato del ginepraio libico, è un tedesco. Di coordinamento militare sotto egida italiana, adombrato dalla ministra Pinotti, non se ne parla nemmeno. Ha tentato di giocare la carta della lusinga al Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban ki-moon prodigandosi in servile piaggeria a New York, a Roma e a Milano, ma non è riuscito ad ottenere nessuna assicurazione di vedere soddisfatta l’aspirazione di entrare in Consiglio di Sicurezza.
Già un anno fa era apparso palese (vedi “bullismo da quattro soldi” del 29.10.2014) come fosse tenuto fuori della porta delle riunioni che contano, cioè dalle consultazioni politico strategiche che hanno riflessi sulla pace nel mondo come la questione iraniana, la questione ucraina, il Medio Oriente.
Quando si ha la credibilità, questa qualità fa premio sulla reale forza del paese. Ce lo insegnò un secolo e mezzo fa Cavour che con una modesta partecipazione alla guerra di Crimea riuscì a ottenere di partecipare alla Conferenza di pace di Parigi per porre in discussione la questione italiana. Ma il nostro premier, in perfetta sintonia con quelli che l’hanno preceduto, fatica a comprendere che la credibilità non si costruisce con le sparate a salve, con gli atteggiamenti da smargiasso, con le battute da bulletto del bar sport. Quelle servono solo a ricevere pesci in faccia come è accaduto nella vicenda dei marò italiani sotto processo in India e non salvati nemmeno dal Tribunale internazionale del mare di Amburgo.
Anche quest’anno ha provato a contestare e rintuzzare in modo maldestro le critiche della Commissione europea per la scelta di togliere la tassa sulla prima casa, anziché abbassare le tasse sul lavoro, dettata da una mancanza di visione complessiva del cammino da percorrere per estrarre il paese e l’economia italiana dalla crisi e dalla stagnazione.
Ogni sua dichiarazione o annuncio è fatto per cercare di guadagnare voti, illudendo la popolazione incline a credere a chi fa le promesse più mirabolanti con la faccina innocente. Ma Renzi non sta lavorando per un'Italia più giusta, da mettere al riparo della corruzione dilagante, non ha chiamato la “Fulgida” in due anni di potere per la pulizia a fondo della classe politica. Il suo governo si è distinto per una caparbia volontà di continuazione della politica berlusconiana contro i magistrati, a favore della depenalizzazione dei reati, contro la stampa cui vuole mettere il bavaglio, a favore degli evasori fiscali con l’elevazione della soglia all’uso del contante, nell’infliggere alla democrazia italiana torsioni pericolose, nello stravolgere la costituzione, infischiandosene della Corte Costituzionale  e delle sue indicazioni sulle regole da seguire per la legge elettorale, insomma tutto per rendere lo Stato più debole. Voleva cacciare i politici dalla Rai ma lui vi è sempre presente e per ottenerne i favori, dopo che aveva tolto dal bilancio all’epoca Gubitosi 150 milioni, ha fatto ora la bella pensata del canone RAI in bolletta elettrica. Roba da principianti allo sbaraglio, da pasticcioni che non agiscono sulla base di analisi, di studi, di modelli, di simulazioni verificate, di valutazione della casistica infinita. Sarebbe bastato obbligare ciascuno ad indicare in ogni dichiarazione dei redditi il numero dell’abbonamento TV con multa in caso di omissione ed il gioco sarebbe stato fatto. Troppo semplice!
Il Capo del Governo si dimentica dell’alluvione di Benevento e dei problemi allarmanti dei cittadini, ma pretende un nuovo super aereo, l’elicottero sempre a disposizione, i viaggi del tutto inutili a spese del cittadino per andare a sciare o ad assistere ad un incontro di tennis e preferisce eclissarsi quando infuria il dibattito politico sulle sorti di Roma Capitale e del suo Sindaco.
Comunque la si giri la questione romana, dopo quasi un anno che la magistratura ha scoperchiato i guasti di mafia capitale e ad un mese dal giubileo è diventata paradossale. Il Sindaco Marino si è comportato, né più né meno, con lo stesso malcostume della classe politica per troppi anni osannata e votata. Un ego ipertrofico, un’esaltazione da poema epico delle proprie gesta, con la prosopopea di chi per primo ha rimesso le cose a posto senza essersi mai accorto che nelle questioni più delicate e remunerative non toccava palla e che al Comune di Roma tutto era già preordinato. Perché da perfetto incosciente ha accettato in campagna elettorale le sovvenzioni di Buzzi (che, detto per inciso, ha sovvenzionato anche le cene di Renzi da 1000 euro a coperto), fidandosi delle assicurazioni della Prefettura sull’assenza della criminalità mafiosa a Roma? Perché ha accettato tutte le imposizioni del partito che lo ha circondato di personaggi ambigui che sono finiti in cella o inquisiti?
Possibile che lui, che ha partecipato alle primarie per guidare il partito, non fosse al corrente del marciume raggiunto dal PD romano che aveva via via espulso uomini di cultura, personaggi di assoluto valore per far posto a trafficanti di mestiere, solo attenti all’immagine pubblica, ma privi di competenza nelle materie loro affidate?
Possibile che l’impietosa radiografia fatta da Barca e poi anche dal ministro Madia sulla presenza nel PD romano, diventato losco crocevia di clientele, di un elevato livello di mafiosità e criminalità, non lo abbia sfiorato, né indotto ad un pesante repulisti o addirittura a sfidare con le dimissioni anticipate la stessa direzione del partito che ha coperto tutto salvo poi scaricarlo per il conto salato al ristorante?
Sulla testa di Marino il PD ha già brandito la spada di Damocle delle dimissioni obbligatorie per un problema di scontrini, ma tiene ben nascosto quello ben più grave di mega ricevute di spesa, di entità superiore di quasi 100 volte, risalenti al periodo in cui Renzi era presidente della provincia e poi Sindaco di Firenze.
Roma ha bisogno di un bagno di umiltà e di verità. Bisogna dire ai cittadini, che fino ad ora non sono andati al di là del mugugno perché ciascuno si è ritagliata la sua nicchia di malaffare o di micro privilegio o di abuso, che la festa è finita. Che bisogna far rinascere Roma dalle macerie di una classe politica inetta e in malafede, tagliando con la scure i rami secchi da gettare nel fuoco. Che bisogna fare tutti un sacrificio proporzionato alla propria funzione pubblica, ai propri averi ed alla propria classe sociale, politici in testa, amministratori pubblici, industriali, palazzinari, costruttori, titolari di licenze, professionisti, dirigenti, lavoratori, pensionati, disoccupati.
Sono almeno dieci anni che la città è stata sistematicamente depredata da amministratori incapaci, quando non collusi, nel tollerare un generale laissez faire, nell’applicare maldestramente il principio del liberalismo economico, drogato da corruzione e malaffare, come motore della prosperità solo per alcuni a danno di tutti.
Va ricordato che fin dal 2010 il commissario per la gestione del debito del Comune Varazzani aveva denunciato che Roma aveva accumulato un passivo totale di 22 miliardi e mezzo di euro, di cui quasi 7 legati al cosiddetto “debito finanziario quota interessi a finire”, cioè gli interessi passivi generati da mutui, linee di credito, strumenti derivati e prestiti flessibili, sottoscritti da emeriti imbecilli che nel Campidoglio si erano dilettati, come apprendisti stregoni, a giocare con la finanza creativa a partire dall’attuale assessore Causi, ora messo lì in giunta da Renzi dopo lo scandalo di mafia capitale, senza considerare che fu proprio lui come assessore nel 2003, quando era sindaco Veltroni, a lanciare un’emissione di un miliardo e mezzo di euro ad un tasso del 5,37 % e rimborso a 30 anni, nel 2033. E questo non fu che il primo passo sulla via di scommesse assurde sui derivati, caricati sulle spalle di chi doveva ancora nascere.
Con le finanze di una città alla sfascio, dissestate anche dal salasso di 350 milioni concessi come salario accessorio ai dipendenti del Comune sotto la giunta Alemanno dal 2008 al 2013, che cosa hanno immaginato i nuovi amministratori? Di tartassare i cittadini romani con multe per violazione delle regole del traffico senza essersi minimamente preoccupati di offrire alla cittadinanza un servizio di trasporto pubblico adeguato, un traffico scorrevole, corsie effettivamente preferenziali ecc.
Il Comune di Roma che fino all’anno scorso bruciava 100 mila euro al giorno, non ha assolutamente risolto il problema del buco nero delle società municipalizzate, gonfiate da assunzioni clientelari, che secondo i calcoli di Mediobanca hanno insostenibili bilanci in rosso (1,6 miliardi l’ATAC e 1,3 miliardi l’AMA) con servizi di trasporto pubblico scarsi, inefficienti e antiquati, ed una raccolta dei rifiuti, praticamente da livello di terzo mondo, nonostante il salasso per le tasche dei cittadini.
Dunque anziché promuovere un dibattito politico sulla pesante eredità lasciata dalla giunta Alemanno e sull’inadeguatezza della attuale Amministrazione del Campidoglio, il PD ha preferito la congiura di palazzo in perfetto stile alla “Enrico stai sereno”, condotta in modo dilettantesco. Si può dimenticare che il PD romano è stato commissariato nientemeno che dal presidente del partito, un politico “romano de Roma”, di antica scuola dalemiana e pertanto profondo conoscitore delle magagne palesi e dei sotterfugi nascosti del PD romano?
Il giorno dei morti, a conclusione della settimana dell’agonia per il sindaco di Roma che non intende risparmiare sorprese alla città ed al partito democratico, tuttora intento a cospargere di grasso la corda della propria impiccagione, vedremo se la parabola discendente dell’esperienza politica renziana avrà accentuato il suo corso.
Il 2 novembre, tra un crisantemo e un “de profundis” l’enigma sarà definitivamente sciolto, e al PD non resterà che raccogliere i cocci della sua pessima politica

comments

Per una più equa distribuzione dei fondi per i cittadini italiani all’ estero

MARCO TOMMASINI - In questi giorni è apparso una comunica dei consiglieri CGIE eletti in Svizzera nella quale esprimono il malcontento per la riduzione dei contributi del governo italiano ai cittadini italiani residenti all’ estero. In particolare modo per il taglio dei finanziamenti per i corsi di lingua e cultura italiane.
I dati sulla gestione economico finanziaria dei servizi pubblici sono pubblicati sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) [2]. I capitoli di spesa che il governi italiano destina a favore delle politiche rivolte ai cittadini italiani residenti all’ estero sono riuniti nello “ Stato di previsione per il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale 2015-2017 “ al punto 1.6 “Italiani nel mondo e politiche migratorie”. Si tratta delle voci Contributi per le rappresentanze (Comites e CGIE), Contribuiti per le Associazioni che operano per la collettività italiana all’ estero e appunto Contributi per la lingua e la cultura italiana all’ estero.
Risulta che il MAECI ha destinato complessivamente per i suddetti gruppi Euro 28'942'066 per il 2015 e Euro 22'146'826 per il 2016. Il che corrisponde ad una riduzione di quasi 25%. Ma reca più sorpresa l’ allocazione, ossia la distribuzione, dei contributi. Per la lingua e la cultura italiana sono destinati 92% dei contributi, per le rappresentanze 6% e per le associazioni ed enti che operano per l'assistenza delle collettività italiane all'estero un misero 2%. Incomprensibile questo squilibrio.
La lingua e la cultura italiana ci lega alla madre patria ed è un importante componente della nostra identità su questo punto c’è concordanza. Il MAECI prevede perciò già fondi dedicati alla lingua e la cultura italiana senza doverne aggiungere altri. Cosi il 1.7 “Promozione del sistema Paese” con oltre Euro 70'000'000 e il 1.9 “Rappresentanza all’ estero e servizi ai cittadini e alle imprese” con oltre Euro 165'000'000. Sono già oltre otto volte più di tutto il contributo destinato per i cittadini italiani all’ estero.
I Consiglieri CGIE sottolineano il malcontento elencando l’incremento dell’ emigrazione in Svizzera. Sorvolano pero che i contributi sono previsti ad enti ed associazioni per l'insegnamento della lingua straniera, della madre lingua e della cultura italiana AI FIGLI DEI LAVORATORI ITALIANI ALL'ESTERO. Il nuovo flusso migratorio consiste prevalentemente di giovani laureati celibi che maestrano più che bene la lingua e la cultura italiana. Qui si pone un’ altro problema. I figli dei lavoratori italiani in Svizzera frequentano nella scuola locale, in modo sproporzionale, le classi per i ragazzi con difficoltà d’apprendimento e scarseggiano nelle classi elitarie e nelle Università. Questo malgrado siano transitati in passato enormi flussi per la loro istruzione. Che fine hanno fatto questi soldi ? In che mani sono finiti ?
La lingua e la cultura non vivono in aule scolastiche ma tra le interazioni quotidiane. Siamo noi i portatori della cultura non i nostri libri. Una cultura e la corrispondente lingua fioriscono nei nostri appartamenti, in strada, nel mercato del paese insomma tra di noi. Alla cultura italiana non servono soldi ma una collettività viva. In questa collettività purtroppo non mancano i problemi da risolvere e quello dei corsi di lingua e cultura italiane ne è uno minore. Ci sono gli emigranti della vecchia generazione che non hanno avuto l’opportunità di integrarsi nel sistema locale e hanno raggiunto l’ età di pensione. Chi li accompagna ? Ci sono i figli che non riescono a farsi valere nel sistema educativo locale. Che futuro avranno ? Sono solo alcuni esempi di una lunga lista.
Appello ai nostri rappresentanti CGIE di estendere il loro raggio d’azione. Di non limitarsi ai corsi di lingua e cultura italiane, anche se risultano loro i gestori. Appello a loro di farsi portavoce per un’ equa distribuzione dei fondi ministeriali e di farli convogliare verso i veri bisogni dell’ emigrazione e di prendere in considerazione anche le associazioni italiane operanti per la collettività italiana all’ estero.
Sono fiducioso che in questo caso il governo italiano non ha motivo di non volere offrire il necessario supporto.

comments

GLI ITALIANI ALL’ ESTERO: DIVERSAMENTE CITTADINI

Legge di Stabilità 2016
DINO NARDI* - Comprendiamo benissimo che la situazione economica e finanziaria del nostro Paese sia ancora preoccupante, che vi siano problemi da risolvere come la sanità, le pensioni, gli esodati, i ricorrenti dissesti idrogeologici, gli immigrati che sbarcano sulle nostre coste e tanti altri ancora. Si comprendiamo tutto, ci mancherebbe!
Quello che, invece, è difficile da comprendere come sia possibile che in Italia i 4'636'647 emigrati nostrani siano ormai da diversi anni l’ultimo dei pensieri della popolazione e dei nostri governanti e non si tratta di tutti ferri vecchi dell’emigrazione del Dopoguerra bensì anche di centinaia di migliaia di expat e cioè giovani italiani emigrati in questi ultimi anni). Altrimenti se non fosse così non si comprenderebbe come abbiano fatto, e facciano i governi ed i parlamenti, che si sono succeduti negli ultimi anni, a tagliare implacabilmente di Legge Finanziaria in Legge Finanziaria, di Legge di Stabilità in Legge di Stabilità, i capitoli di spesa del Ministero degli Affari Esteri, oggi anche della Cooperazione internazionale (MAECI), destinati alle politiche rivolte agli italiani all’estero! Infatti, ancora nella Legge di Stabilità 2016 - appena approvata dal governo italiano - dai dati in nostro possesso risulta, rispetto al 2015, un taglio complessivo di quasi tre milioni e mezzo di euro (il 23,48%) tra contributi ai Comites e riunioni degli InterComites, attività informative e culturali, funzionamento Cgie, contributi enti gestori corsi di lingua e cultura di italiano ed assistenza diretta. Tagli, tra i quali brilla (ancora per l’ennesima volta) quello per il Cgie che con 307'707 euro è praticamente impossibile che possa svolgere la funzione che una legge dello Stato Italiano gli ha assegnato: se si ritiene che questo organismo sia ormai inutile si abbia almeno il coraggio di chiuderlo definitivamente!
A questo punto resta anche il forte timore per la fine che potrebbero fare le abitazioni in Italia degli iscritti all’AIRE, ovvero se nel 2016 torneranno ad essere considerate, o meno, “seconde case” ai fini dell’IMU/TASI/TARI, poiché ormai tutto è possibile visto e considerato che, per l’Italia, gli italiani all’estero sembrano essere diventati “diversamente cittadini” della nostra Repubblica!
*Coordinatore UIM Europa (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

comments

La politica dello struzzo dei patronati

GIAN LUIGI FERRETTI - Non uno qualunque, ma Antonio Bruzzese, 70 anni passati tra Fiom e Cgil, ex responsabile a Buenos Aires dell’Inca, si è detto disposto a spiegare pure ai magistrati che c’è del marcio nel sistema dei Patronati all’estero (LEGGI).
Sono passati due giorni da quando Bruzzese ha buttato la bomba atomica, ma nessuno ha reagito. Non le centrali romane dei patronati, non i sindacati che promuovono i patronati, non i parlamentari eletti all’estero già funzionari di patronato come Laura Garavini ( ltal-Uil Germania) e Fabio Porta iltal-Uil Brasile), Marco Fedi (Inca-Cgil Australia) e Cianni Farina (lnca-Cgil Francia), non i tantissimi neo eletti nei Comites e nel CGiE provenienti da patronati.
Tutti con la testa sotto la sabbia sperando che la bufera passi presto. D’altronde il sistema dei patronati ha dimostrato di essere ottuso già in occasione del grande scandalo ricordato dallo stesso Bruzzese nella sua lettera-denuncia al Presidente del Senato:
“L’attività di patronato all’estero viene svolta da associazioni  di diritto locale in convenzione con le Centrali romane. Quando tutto va bene i meriti sono del Centro, diversamente - vedi il caso della Svizzera – si chiude bottega all'estero,  non si paga nessuno e si riapre la stessa identica  attività, tuttavia con un altro nome, esattamente come fanno alcuni commercianti”.
E’ quello che ha fatto l’INCA che, invece di cercare di porre rimedio al più presto alla colossale truffa a danno dei pensionati messa in atto dal direttore della sede di Zurigo, è corsa a mettere la testa sotto la sabbia negando ostinatamente la propria responsabilità oggettiva. Non si è resa conto l’INCA, né si è resa conto la casa madre CGIL, che questo comportamento dava il via alla valanga che potrebbe portare fra non molto alla fine sua e degli altri patronati. E' proprio quello che mi disse un paio di anni fa, allora a mezza voce, Antonio Bruzzese quando presi un caffè con lui in Galleria Sordi. Adesso ha preso carta e penna, ha scritto e firmato una denuncia circostanziata e terribile. Possibile che nessuno si senta in dovere di replicare?

comments

ATTENTI ALL’ATTIMO FUGGENTE PER IMU-TASI

Legge stabilità 2016: Avviso ai naviganti
DINO NARDI (UIM) - Recentemente il Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, annunciando che nel 2016 nessuno pagherà più l’IMU e la TASI sulla prima casa, ha ricordato che il 75% di queste sono proprietà di lavoratori dipendenti. Bene, da parte nostra vorremmo anche ricordare che sicuramente i tre quarti delle famiglie italiane emigrate sono ancora oggi proprietarie di un alloggio in Italia e che per questi nostri emigrati la fiscalità sulla casa, fin dalla sua introduzione (1992), è stata un vero e proprio tormentone: si paga con lo sconto; non si paga; si paga; si paga a seconda del Comune; non si deve ma ce la fanno pagare!
Poi per il 2015 il parlamento italiano - con articolo 9 bis del Decreto Legge 28 marzo 2014, nr. 47 - ha previsto, finalmente, l’esenzione dell’IMU ed il pagamento ridotto ad un terzo del dovuto per TASI e TARI sia pure limitatamente per l’abitazione in Italia degli iscritti all’AIRE titolari di una pensione del Paese estero di residenza. Colmando così, sia pure parzialmente, un’ingiustizia nei confronti di molti emigrati italiani anziani che, proprio attraverso la proprietà di un’abitazione in Italia, continuano a mantenere ed a trasmettere ai loro figli uno stretto legame con i loro luoghi di origine e con l’Italia.
Ma adesso con il 2016 cosa riserverà per gli emigrati la nuova normativa sulla casa annunciata dal Presidente Renzi? Non è che, per caso, ci si dimenticherà nuovamente di loro?
Prima che ciò possa accadere ed i nostri naviganti, cioè i parlamentari eletti nella Circoscrizione Estero, siano costretti ancora una volta, come nel passato, a cercarvi rimedio nel corso della discussione della legge in parlamento, è auspicabile che stiano attenti all’attimo fuggente in cui, evidentemente, proprio in questi giorni si sta legiferando anche sull’IMU e la TASI nell’ambito della legge di stabilità 2016.

comments