Sab07212018

Last updateDom, 15 Lug 2018 10am

ATTENTI ALL’ATTIMO FUGGENTE PER IMU-TASI

Legge stabilità 2016: Avviso ai naviganti
DINO NARDI (UIM) - Recentemente il Presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, annunciando che nel 2016 nessuno pagherà più l’IMU e la TASI sulla prima casa, ha ricordato che il 75% di queste sono proprietà di lavoratori dipendenti. Bene, da parte nostra vorremmo anche ricordare che sicuramente i tre quarti delle famiglie italiane emigrate sono ancora oggi proprietarie di un alloggio in Italia e che per questi nostri emigrati la fiscalità sulla casa, fin dalla sua introduzione (1992), è stata un vero e proprio tormentone: si paga con lo sconto; non si paga; si paga; si paga a seconda del Comune; non si deve ma ce la fanno pagare!
Poi per il 2015 il parlamento italiano - con articolo 9 bis del Decreto Legge 28 marzo 2014, nr. 47 - ha previsto, finalmente, l’esenzione dell’IMU ed il pagamento ridotto ad un terzo del dovuto per TASI e TARI sia pure limitatamente per l’abitazione in Italia degli iscritti all’AIRE titolari di una pensione del Paese estero di residenza. Colmando così, sia pure parzialmente, un’ingiustizia nei confronti di molti emigrati italiani anziani che, proprio attraverso la proprietà di un’abitazione in Italia, continuano a mantenere ed a trasmettere ai loro figli uno stretto legame con i loro luoghi di origine e con l’Italia.
Ma adesso con il 2016 cosa riserverà per gli emigrati la nuova normativa sulla casa annunciata dal Presidente Renzi? Non è che, per caso, ci si dimenticherà nuovamente di loro?
Prima che ciò possa accadere ed i nostri naviganti, cioè i parlamentari eletti nella Circoscrizione Estero, siano costretti ancora una volta, come nel passato, a cercarvi rimedio nel corso della discussione della legge in parlamento, è auspicabile che stiano attenti all’attimo fuggente in cui, evidentemente, proprio in questi giorni si sta legiferando anche sull’IMU e la TASI nell’ambito della legge di stabilità 2016.

comments