Ven07192019

Last updateMar, 16 Apr 2019 12pm

CGIE: ANDARSENE IMPRECANDO

GIAN LUIGI FERRETTI - Spero che Eugenio Marino, nella prossima edizione del tuo libro di successo "Andarsene cantando", mi citi come uno che le canta chiare.
In teoria l'attuale CGIE sarebbe in vigore fino ad almeno settembre. Però ieri il Segretario generale ha salutato i membri del CdP dicendo che non ci sarà più alcuna riunione, tantomeno l'ultima Assemblea generale che avevo richiesto, ricevendo peraltro un ben scarso appoggio da parte dei colleghi.
Se questo CGIE è finito, secondo l'interpretazione di Carozza, allora io, reduce da un'operazione e in attesa per un'altra (rimozione di un tumore nel cuore), posso vantarmi di essere sopravvisuto alla decimazione di tanti, troppi, colleghi passati da essere Italiani nel Mondo a Italiani nell'Altro mondo.
E' finita così con recriminazioni ed imprecazioni per il brutto pasticcio della composizione del prossimo CGIE, che passerà dagli attuali 65 Consiglieri eletti a 43.
Quando il Sottosegretario Giro ha presentato la lista definitiva, Carozza ed i cavalieri della tavola rotonda del CdP sono saltati sulle sedie come se solo ora si fossero che perdono il loro Consigliere Lussemburgo, Colombia/Equador, Messico e  Danimarca/Svezia/Norvegia. Gli USA perdono 3 dei loro attuali 5 Consiglieri, il Canada ne ha 1 invece di 4, l'Australia 1 invece di 4, il Venezuela 1 invece di 3,  Sud Africa, Cile e Uruguay 1 ciascuno invece di 2, il Regno Unito 2 invece di 3, il Brasile 3 invece di 4, la Francia 4 invece di 7. Anche l'Argentina perde un Consigliere. Però ci guadagnano la Germania, che passa da 5 a 7 e la Svizzera, che passa da 5 a 6. Solo 17  fra tutti i Paesi del mondo avranno dunque una rappresentanza del CGIE. Nessun Consigliere in Asia, nessuno in Africa (a parte il Sud Africa). Non c'è più il rappresentante del Nord Africa nè quello di Israele.
Ci siete o ci fate?  Ho chiesto. Il povero Giro non ha fatto che applicare la formula matematica chiaramente indicata dalla legge: dividere il numero dei connazionali residenti in ogni Paese per 43 (il totale dei Consiglieri) e ottenere quozienti pieni e resi; assegnare 1 Consigliere per ogni quoziente pieno e per i resti maggiori.
Semplice, non ci voleva un genio della matematica per questa semplice operazione; l'avrebbe potuta fare chiunque, persino Neri.
E dunque?
Adesso vi spiego, facciamo un passo indietro. A metà aprile dell'anno scorso giunge al CdP del CGIE una richiesta di parere per una proposta di drastica riduzione dei Comites, che viene ritenuta irricevibile. Carozza ha addirittura un sussulto di orgoglio ed esprime con sincerità la sua valutazione di italiano all’estero: “Siamo ancora ad un  grave attacco frontale verso gli italiani all'estero, da parte di questo Governo, che ci ricorda quelli peggiori che ha portato avanti l'ultimo  Governo Berlusconi”.
Dopo il parere fortemente negativo del CGIE, c'è tutta una fase di parlottamenti fra eletti all'estero del PD, i funzionari della Farnesina e lo stesso Carozza e si arriva al ritiro della prima proposta e all'invio di una nuova.  Ed è in questa che è chiaramente indicata la formula matematica per la composizione del nuovo CGIE, che si ottiene "ripartendo i membri ...tra i Paesi in cui sono presenti le maggiori collettività italiane, in proprorzione al numero dei cittadini italiani residenti al 31 dicembre dell'anno precedente, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti". Più chiaro di così!
Eppure Carozza, nel messaggio mail ai membri del CdP con la quale chiede il parere urgentissimo per l'allegata proposta, si lancia in lodi sperticate: la decisione per lui sarebbe “un segnale importante” nonché “sensata e ragionata”. Quasi tutti i miei colleghi si fidano pigramente e danno parere positivo probabilmente senza neppure leggere di cosa si tratti. Io do subito parere duramente negativo e chiedo a Sorriso e Pinna di fare altrettanto. Quando ancora mancano il parere di 4 membri (fra i quali Pinna), Carozza si affretta ad inviare un parere favorevole formulato con toni trionfalistici come se si trattasse di una grande conquista.
Io gli scrivo pubblicamente che evidentemente, dopo il suo sussulto d'orgoglio con critiche al Governo, il suo partito lo ha richiamato all’ordine perchè non capisco altrimenti il suo appiattimento collaboratico su questa proposta oscena.
E Carozza mi riempie di insulti e contumelie, anche lui pubblicamente e, siccome gliene avanzano, ne scarica una dose anche su mia sorella.
Dopo il parere positivo del CGIE, gli eletti all'estero della maggioranza (Pd & C.) votano A FAVORE di questa formula matematica che diventa così legge dello Stato.
E arriviamo ai giorni nostri. Il CGIE, che ha dato parere entusiasticamente positivo, fa finta di cadere dal pero e si lamenta. Gli eletti all'estero del PD, che hanno votato a favore, cercano di far credere che non c'erano e se c'erano dormivano.
---
Potete leggere:
LA RICHIESTA DI PARERE
LA COMPOSIZIONE DEL CGIE IN BASE ALLA FORMULA MATEMATICA

comments