Lun10222018

Last updateSab, 22 Set 2018 11am

Il sottosegretario Giro al CGIE

Nessun viceministro o sottosegratario del governo Renzi ha ancora ricevuto deleghe perchè pare che si aspetterà a comunicarle tutte insieme.
Però non può essere casuale la presenza del sottosegretario Giro al Comitato di Presidenza del CGIE, riunito alla Farnesina. Chi scommettese che a lui toccherà la delega agli italiani all'estero rischierebbe di vincere la scommessa.
I Consiglieri gli hanno prospettato i problemi più seri e più urgenti lamentando soprattutto che, malgrado le ripetute richieste del CGIE, il governo persista nell'organizzare i seggi in Europa per le elezioni europee con un costo sui 10 milioni di euro. Quando invece non si ha ancora una data certa per le elezioni per il rinnovo dei Comites che avrebbero dovuto tenersi 5 anni fa.

comments

Gli italiani conquistano i primi posti nella lista SÖS a Stoccarda

In vista delle prossime elezioni comunali in Germania, il Segretario estero dell'IdV, Pasquale Vittorio, informa che a Soccarda si sono tenute le primarie per il piazzamento della lista SÖS (Lista Ecologica e Sociale) alla quale hanno partecipato circa 400 persone.
I risultati hanno visto il piazzamento degli 8 candidati italiani dell'Italia dei Valori nei primi 15 dei 67 posti. Ecco le loro preferenze:
Uomini:
Luigi  Pantisano: 506 preferenze
Pasquale Vittorio: 413  preferenze
Michele  Musano: 291 preferenze
Antonio Alesi Scinardo: 266  preferenze
Donne:
Maria Lina Kotelmann: 520 Preferenze
Antonietta Estrano: 360 Preferenze
Rita Vittorio Mery: 340 Preferenze
Rita Pratella Pellegrino: 260 Prefernze

FOTO: (da sinistra) Luigi Pantisano,Hannes Rockenbauch, Maria lina Kotelmann, Pasquale VittorioAntonietta Estrano,Antonio Alesi Scinardo,Rita ‪Rita Pellegrino‬, ‪Michele Musano‬

comments

Avanzi della politica per gli italiani nel mondo anzichè il nuovo che avanza?

Questa volta ci avevano creduto in tanti, abbagliati dal giovanilismo e dal nuovismo di Renzi. Chissà quali meravigliosi sottosegretari nominerà - hanno sognato. E quindi il sottosegretario agli Esteri con delega agli italiani nel mondo sarà il migliore... cioè me stesso.
Primi di tutti gli eletti all'estero. Ognuno di quelli del PD, di cui Renzi è segretario, ha preparato l'abito scuro in previsione del giuramento. Quello del Pdl ha pensato che in fondo Renzi e Berlusconi hanno fatto comunella e quindi magari, invece di tentare di fare il Sindaco…. Quelli della scissione dell'atomo montiamo - come diavolo si chiama il partitino? Pipì o qualcosa del genere - erano convinti che, siccome al loro leader avevano sfilato la poltrona di ministro da sotto il culo, a loro spettasse questa compensazione. Gli unici che avrebbero meritato erano quelli del MAIE, l'unico movimento nato fra gli italiani all'estero per gli italiani all'estero, che fra l'altro erano stati protagonisti sia alle consultazioni al Quirinale che a quelle di Renzi.
Ci sono stati persino episodi comico-folcloristici di chi ha radunato 2 o 3 amici per farsi eleggere "alle primarie".
Poi è andata come è andata. Il "rottamatore" ha nominato i sottosegretari col manuale Cencelli della Prima Repubblica, una bella banda di personaggi che te li raccomando. Così ad affiancare il neo Ministro degli Esteri, quella Monghini che non ha mai lavorato un'ora della sua vita essendo sempre stata funzionaria del PD, c'è Lapo Pistelli (Pd) come Viceministro, un fiorentino già esponente della Democrazia Cristiana che la volta rifiutò con sdegno la delega agli italiani nel mondo; c'è Mario Giro, esponente della Comunità di Sant'Egidio candidato nel 2013 per Scelta Civica, ma trombato, che, recatosi in visita ufficiale in Argentina non volle incontrare nè la  nostra più grande comunità all'estero nè i suoi rappresentanti; c'è infine  Benedettoi Della Vedova, esperto di legalizzazione di droghe leggere, prostituzione, eutanasia, fecondazione assistita , istituzione del matrimonio omosessuale, totale laicità dello Stato et similia che ha fatto più giravolte politiche di Fucsia Nissoli:
già radicale, poi Forza Italia, poi Futuro e libertà con Fini, poi Scelta Civica.
Ad uno di queste non esaltanti figure andrà la delega agli italiani nel mondo. Alla faccia del nuovo che avanza. 

comments

Due dirigenti MAIE candidati in Germania

A maggio in Germania si terranno le elezioni comunali.  Tutti i cittadini italiani maggiorenni legalmente residenti da almeno 3 mesi godono dei diritti elettorali attivi e passivi.
Due importanti dirigenti del MAIE sono candidati:
Anna Mastrogiacomo a Schorndorf- Stoccarda con la CDU, il partito di Angela Merkel, facendo addirittura parte del direttivo
Corrado Matera è invece nuovamente candidato (lo fu già la volta scorsa con un buon risultato) a Freiburg an Brislau con la lista indipendente Freie Wähler. La lista è la numero 4 e Matera è il candidato numero 42.
A tutti e due: in bocca al lupo.

comments

Nel governo Renzi si occuperà di noi chi non ci conosce e/o ci vuole male

Chi di occuperà degli italiani all'estero nel governo Renzi? Nessuno che ne sappia un bel niente, che conosca l'argomento, che se ne sia mai occupato. Questo nel migliore dei casi. Oppure qualcuno a cui i nostri emigrati stanno sulle palle.
Vediamo un po' come è la situazione dopo le nomine dei sottosegretari oggi.
Ministro degli Affari Esteri è Federica Mongherini (PD), una che nella vita ha fatto solo la funzionaria e dirigente del Partito Democratico. Spetta a lei affidare la delega agli italiani nel mondo. Delega che nel precedente governo fu rifiutata con sdegno dal riconfermato Viceministro Lapo Pistelli, un fiorentino già esponente della Democrazia Cristiana ora del Pd.
Anche uno dei sottosegretari è stato riconfermato. Si tratta di Mario Giro, esponente della Comunità di Sant'Egidio candidato nel 2013 per Scelta Civica, ma trombato. Costui è stato in visita ufficiale in Argentina strafottendosene della più grande comunità all'estero del mondo che non ha voluto incontrare.
L'ultima possibilità che passa il convento è Benedetto Della Vedova, già radicale, poi Forza Italia, poi Futuro e libertà con Fini, poi Scelta Civica. Più giravolte di Fucsia Nissoli. Di lui si sa che si è occupato di legalizzazione di droghe leggere, prostituzione, eutanasia, fecondazione assistita , istituzione del matrimonio omosessuale, totale laicità dello Stato. Ma mai di italiani all'estero.
Mamma mia, come siamo ridotti. Finirà che sarà Dracula ad occuparsi dei donatori di sangue?

comments