Sab02172018

Last updateVen, 16 Feb 2018 11am

MARINO (EX RESPONSABILE ITALIANI ALL'ESTERO DEL PD): NON SONO CANDIDATO, MA GRAZIE A CHI MI HA SOSTENUTO E INCORAGGIATO

EUGENIO MARINO - Intanto grazie. Si, devo ringraziare tante persone.
In queste ultime settimane il mio nome era stato proposto come possibile candidato al Parlamento.
A sostegno della mia persona avevano sottoscritto un incoraggiante appello imprenditori (piccoli, medi e grandi), intellettuali, scrittori, giornalisti, rappresentanti di molte associazioni di volontariato (laico e cattolico), sindacalisti, rappresentanti del mondo delle cooperative, amministratori, segretari di circoli, dirigenti dei giovani democratici.
Si era creata, intorno a un progetto politico sulla Calabria, una rete di persone che andava ben oltre il Partito Democratico e che ha vissuto in queste ultime settimane un entusiasmo che mi ha molto incoraggiato e persino emozionato.
Ecco perché, dunque, devo dire grazie, un grazie sincero, a Gianni Cuperlo che ha proposto il mio nome e alle tante persone che lo hanno sostenuto, che hanno lavorato, che mi hanno incoraggiato con entusiasmo crescente in Calabria e non solo. Grazie!
Alla fine, poi, il mio nome non è stato messo in lista. Capita, è la politica, che fa le sue scelte.
E le scelte del gruppo dirigente nazionale, che ha deciso insieme al segretario regionale e ai parlamentari calabresi uscenti, sono state quelle di riconfermare tutti i parlamentari uscenti del PD Calabria (compresi quelli diventati del PD in corso di legislatura).
Si è deciso che i parlamentari uscenti del PD (Coviello, Magorno, Bruno Bossio, Oliverio, Aiello, Censore) dovevano essere tutti ricandidati e, diversi di loro, sia al maggioritario che al plurinominale.
Insieme a loro, si è deciso di candidare anche chi ha già importanti ruoli istituzionali in seno al Consiglio regionale, nel Governo del Paese (come Marianna Madia), o inediti alleati come Nino D’Ascola (senatore eletto nel 2013 con il Popolo delle Libertà di Berlusconi e poi passato al Nuovo Centrodestra).
Quindi, in questo contesto, gli spazi per candidature nuove, di personalità ancora al di fuori delle istituzioni, con profili politici diversi e dell’area politica della minoranza del Partito erano strettissimi.
Dunque la proposta della mia candidatura non è stata accolta e la Segreteria nazionale ha fatto altre valutazioni, palesatesi solo nella controversa Direzione di questa notte, dove è stato impossibile discuterle.
Insieme a me sono state escluse personalità che meritavano anche più di me una candidatura: cosa che mi spiace molto.
Come ho detto da subito a chi mi ha proposto e sostenuto e ai dirigenti con i quali ho potuto parlare (in questo periodo mi è stato molto difficile parlare con i dirigenti del mio Partito) continuerò a impegnarmi con la serietà e passione di sempre per far vincere il PD alle prossime elezioni. E ciò perché, pur non condividendo il tipo di gestione del gruppo dirigente del mio Partito, considero più pericoloso per il mio Paese il rischio di una vittoria della nuova Destra politica che avanza. E l’interesse per il mio Paese viene prima di quello per il mio Partito e delle mie pur legittime ambizioni.
Ma ci saranno tempi e luoghi per riparlarne, ne sono certo. Adesso mettiamo al sicuro il Paese.
Grazie a tutti.o

comments