Dom12102017

Last updateGio, 30 Nov 2017 1pm

Sconfitti i quattro dell'apocalisse

Nella scia della volontà di privilegiare l'accesso alla cittadinanza italiana da parte degli immigrati con lo ius soli a scapito dei richiedenti iure sanguinis, quattro senatori della maggioranza governativa si erano inventati la "cittadinanza ad ostacoli" per i discendenti degli emigrati italiani: aumentatre da 300 a 400 euro l'odiosa tassa sulle domande di cittadinanza e porre un limite per il riconoscimento di questo diritto per i discendenti di italiani alla seconda generazione.
I quattro dell'apocalisse sono:
Sen. Claudio Micheloni, PD
Sen. Renato Turano, PD
Sen. Francesco Giacobbe, PD
Sen. Aldo Di Biagio, Nuovo Centro Destra di Alfano.
Da subito si dichiaravano assolutamente contrari:
Il Sen. Fausto Longo, socialista eletto nella lista del PD
e soprattutto il Sen. Claudio Zin (MAIE), che si è immediatamente attivato ed ha portato al Presidente della Commissione Bilancio, Sen. Giorgio Tonini, le 6.000 firme raccolte in poche ore fra gli italiani all'estero. Si innescava così un'opera di dissuasione che, dopo tutta una nottata di trattative, verso le 5 meno un quarto del mattino, portava il capo dei quattro dell'apocalisse, il Sen. Micheloni, ad arrendersi e ritirare i suoi due emendamenti alla legge di bilancio 2018.
Al Sen. Zin sarà venuto in mente il Bollettino della Vittoria del generale Diaz: "I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli, che avevano disceso con orgogliosa sicurezza".  In effetti i quattro nemici degli italiani nel mondo si ritrovano con una davvero brutta figura alla vigilia delle elezioni. Faremo in modo che gli elettori non dimentichino e castighino.

comments