Ven01192018

Last updateGio, 18 Gen 2018 8pm

Welcome back, Italians!

ANGELO PARATICO - Gli Australiani hanno una canzone nel loro cuore, che tutti conoscono:  “I still call Australia home” scritta da Peter Allen nel 1980. E’ la storia nostalgica di un australiano che gira per il mondo ma che si consola pensando che, mal che vada, avrà sempre una casa in Australia dove potrà ritornare. Ebbene per molti dei nostri emigrati anche questo sta diventando un sogno!
Nel 2014 il governo Renzi - dopo la concessione degli 80 euro - ha passato una legge con la quale viene stabilito che tutti gli emigrati italiani debbano pagare l'IMU sulla loro prima casa, come se questa fosse la II casa, equiparandola a un’abitazione di villeggiatura. Viene però concessa discrezione ai comuni di applicare o meno questa odiosa tassa. Verona, la città dove mia moglie possiede una casa e dove abitiamo quando rientriamo da Hong Kong,  la applica, come la gran parte delle città italiane, tutte a corto di soldi. Questa è una chiara ingiustizia! Se un residente all’estero possiede una seconda casa in Italia, allora è normale applicarvi l’IMU ma è ingiusto applicarla sulla prima. Come si può andare a chiedere soldi pure a chi è costretto a vivere lontano dal proprio Paese per guadagnarsi il pane?
Questa legge viene applicata anche ai pensionati che si trasferiscono all’estero, in luoghi dove la vita è meno costosa, per vivere un po’ più dignitosamente. Costoro risparmiano sul costo della vita ma si ritroveranno la stangata IMU per l’appartamentino che si sono lasciati dietro in Italia. E credo che molti di loro non lo hanno ancora scoperto, forse non allertati dal proprio commercialista e, dunque, dovranno pagare pure gli arretrati, con gli interessi e la multa. Welcome back, Italians!

comments