CGIE E DINTORNI

Viaggio a 5 stelle
Poiché il mio precedente articolo mi ha procurato un'ondata di insulti e minacce a 5 stelle, mi sento in dovere di dimostrare di non essere minimamente preoccupato delle "fatwa" talebane e ritorno sull'argomento.
Il Consigliere del CGIE più costoso e inutile al mondo, tale Matteo Preabianca, è stato scelto - ci informa Meet-Up Amici di Beppe Grillo Europa  (www.meetup.com/it-IT/meetupeuropa/messages/boards/thread/49714782/) - dal gruppo parlamentare M5S tra vari curriculum. Toh, e noi che pensavamo fossero i cittadini, in questo caso quelli iscritti all'AIRE, a decidere.
Come i monaci tibetani che percorrono le strade del mondo per trovare l'incarnazione di Buddha da nominare Dalai Lama, i grillini hanno setacciato il globo terraqueo per identificare il Migliore da nominare Consigliere del CGIE.
Un genio, hanno trovato un vero genio. D'altronde il Preabianca si presenta così sul suo sito personale (www.matteoteachesitalian.com/: "Matteo, also known as Il Maestro" (Matteo, conosciuto come Il Maestro).
I geni, si sa, non hanno prezzo e vanno valorizzati costino quel che costino. Il Maestro aveva cose personali da sbrigare a Milano? Come non accondiscendere alle forti pressioni dei vertici grillini che hanno preteso che il volo dall'Australia facesse tappa nella città meneghina pur essendo la riunione del CGIE a Roma? La legge non prevede diarie nè rimborsi di alcun genere per i Consiglieri di nomina governativa? Nuove forti pressioni dei vertici grillini per fare spesare il Maestro di vitto e alloggio nella capitale, ma su questo pare abbiano incontrato resistenze,
Il Maestro è venuto, ha visto e ha riferito. Con i suoi confratelli nella fede grillina ha compartito le sue strepitose scoperte. Prima che se ne accorgesse lui, chi sapeva che il CGIE fosse "una 'pretuberanza' dei partiti italiani all'estero bacino elettorale di PD, MAIE e - udite, udite! - di Verdini"?
Solo questo scoop è valso i 10 mila dollari del biglietto aereo del Maestro. Pensate: il CGIE in mano a Verdini!
Il Maestro è, o crede di essere, uno e trino. Si legge sul blog succitato: "Matteo si è proposto di partecipare a ad almeno una di 3 delle 6 commissioni che inizieranno a lavorare da domani ("diritti dei cittadini e partecipazione", "lingua e cultura", "informazione")". Non lo sa che si può essere membro di una sola commissione e che solo fra un anno un Consigliere potrà cambiare? Non lo sa che una commissione si raduna, per dire, al secondo piano della Farnesina, un'altra contemporaneamente al terzo, una terza al quinto...? No, non lo sa.
Gioiscono i grillini: "Una piccola vittoria è stata però già ottenuta: nella votazione per la conferma o modifica del regolamento del CGIE è passato un emendamento proposto proprio da Matteo (e appoggiato da Maria Chiara Prodi del Comites di Parigi, nipote di Romano) per cancellare un comma che prevedeva che la Presidenza potesse secretare a suo piacimento i risultati delle votazioni". Ammazza che vittoria una piccola modifica del regolamento! Fra l'altro una modifica talmente di buonsenso che è passata all'unanimità. Si è trattato dell'abrogazione del comma 2 dell’articolo 7: “Il Comitato di presidenza può disporre di non dare pubblicità a determinati resoconti e discussioni riservate”. Altro che la secretazione "a suo piacimento" di "risultati delle votazioni" da parte della Presidenza.
Ma forse la grande vittoria è stato l'appoggio di Maria Chiara Prodi del Comites di Parigi, "la nipote di Romano Prodi" come proclama con orgoglio da provinciale della politica il commentatore grillino.
Per finire veniamo informati che il Maestro sarebbe indeciso circa l'inutilità del Cgie, mentre sicuramente il Cgie non ha dubbi circa l'inutilità del Maestro.
E adesso mi aspetto una nuova ondata di insulti e minacce da parte dei grillini. Lo so: la verità fa male.

Largo all'associazionismo...del PD
Le tante sigle, specialmente quelle più sconosciute, del Forum delle Associazioni ci avevano creduto davvero ad un PD che faceva un passo indietro per dare spazi all'associazionismo.
Ma in realtà il PD ha permesso di crescere esclusivamente a piantine del suo orticello.
C'era da eleggere il Segretario generale ed hanno fatto eleggere il dirigente del PD Michele Schiavone. C'erano da eleggere 2 cariche per ciascuna delle 4 Commissioni ed hanno fatto eleggere uno, ed uno solo, esponente dell'associazionismo puro. Puro fino ad un certo punto perchè Rodolfo Ricci rappresenta l'associazione tradizionalmente vicina al PD e alla CGIL.
Hanno fatto eleggere l'esponente del PD USA Silvana Mangione  e poi è stata la volta di sindacati e patronati. Eletti Pino Maggio dell'ITAL UIL, candidato del PD alle ultime politiche, Eleonora Medda di Bruxelles (INCA/CGIL). Eletta Rita Blasioli Costa del Brasile (ACLI). Eletto Gianni Lodetti (CISL).
Sono sfuggiti al ferreo controllo del PD solo due del MAIE, Mariano Gazzola (Argentina) e Riccardo Pinna (Sud Africa) che hanno sfruttato la sua obiettiva forza il primo e la divisione della sinistra il secondo.

Malgrado tutto, difendo il CGIE
Sia ben chiaro, a scanso di equivoci: ritengo Comites e Cgie una grande conquista degli italiani nel mondo. Nessuno conti su di me per contestare nè la loro utilità nè tantomeno la loro esistenza. Sono strumenti utilissimi, anche se ho criticato, e continuerò a criticare, il modo in cui vengono usati.

Gian Luigi Ferretti

comments