Ven10192018

Last updateSab, 22 Set 2018 11am

Nuovi dettagli sull'arresto di Romagnoli

Stanno uscendo nuovi dettagli sull'arresto dell'ex deputato Massimo Romagnoli in Montenegro.
L'Osservatorio Italiano (osservatorioitaliano.org) ha pubblicato  il mandato d'arresto internazionale dell'Interpol Washington (VEDI)  nel quale è scritto che Romagnoli ed i suoi due complici  sono stati oggetto di indagine tra maggio e ottobre come membri di un’organizzazione criminale per la vendita all’organizzazione terroristica FARC (Forze Armate  Rivoluzionarie della Colombia) di armi, tra le quali mitragliatrici e missili anti-aereo, destinate a colpire mezzi e cittadini americani in Colombia.
A quanto pare Massimo Romagnoli è caduto in una trappola ben architettata assieme a due rumeni, Cristian Vintila, un personaggio di spicco del Spd, il partito rumeno di sinistra nel quale si sono riciclati molti appartenenti al partito comunista di Ceausescu, e a Virgil Flaviu Georgescu.
Sarebbe stato proprio quest’ultimo, un broker di armi, ad avere messo in contatto il trafficante d’armi Vintila e Romagnoli con tre persone che si presentavano come rappresentanti delle FARC, ma in realtà erano agenti della DEA sotto copertura.
Da Marzo ad Agosto 2014 tutti i contatti telefonici e di persona di Romagnoli, Vintila e Geurgesco con questi agenti sono stati registrati audio-video.
In particolare c’è una registrazione audio-video dell’8 ottobre di una riunione a Tivat in Montenegro durante la quale Romagnoli spiega di essere in grado di procurare falsi documenti europei per il trasporto delle armi e mostra un esempio.
E poi arriva la parte più terribile: c’è scritto nel documento che, dopo che gli agenti sotto copertura hanno dichiarato che le armi destinate sono destinate a colpire mezzi e cittadini americani in Columbia, Romagnoli tranquillamente tira fuori un catalogo di armi (nel documento americano chiamato “catalogo Romagnoli”) con foto e quantità di diversi sistemi d’armamento.  E, dopo che gli è stato puntualizzato che  i suoi interlocutori lavorano per le FARC e vogliono armi per abbattere elicotteri americani, Romagnoli si mette a discutere come ricevere il pagamento delle armi.
Ora Romagnoli e gli altri due rischiano una condanna all'ergastolo per reati intenzionalmente rivolti contro cittadini americani.

comments