Sab11252017

Last updateMar, 14 Nov 2017 3am

East end: l’anima trendy di Londa

Un viaggio alla scoperta delle ultime tendenze della capitale britannica
GLORIA AURA BORTOLINI - Londra, da sempre città di nuove tendenze, fa scuola nella moda, nella musica, nell’arte.
Il cuore pulsante della creatività si concentra nella zona est, in particolare nel famoso quartiere di Hackney. Un’area che negli ultimi anni è cambiata radicalmente: da quartiere industriale si è trasformato in uno dei più vivaci e trendy della capitale britannica.
Multietnico, ricco di contrasti, in bilico tra lusso e degrado, antico e moderno, tradizione e avanguardia. I magazzini abbandonati sono stati riconvertiti in loft e gallerie d’arte che convivono con edifici popolari e bazar etnici.  E’ stata proprio l’arte di strada a dare inizio a questa rivoluzione che ha trasformato le strade di Shoreditch. Le vie Red Church e Vyner street sono note per le numerose gallerie d’arte che ospitano artisti emergenti. Ogni primo giovedi del mese, le mostre sono gratuite e aperte fino a tarda sera. E’ un appuntamento immancabile per gli appassionati alla ricerca di nuovi talenti e look eccentrici.
Nell’East End si possono ammirare i graffiti degli artisti di strada più famosi al mondo,tra cui Ben Eine e Banksy. Per i più curiosi, esistono anche dei tour guidati.
Passeggiare per le strade dell’East End è fonte d’ispirazione per nuove idee: vi si trovano abiti stravaganti, eventi insoliti e locali “pop up”, che esistono soltanto per una sera…. Nell’arco di una giornata, un panificio può diventare un ristorante di tendenza e una fioreria la sede di una festa top secret. C’è un’atmosfera giovane e creativa con una frizzante vita notturna che attira l’attenzione dei turisti più curiosi.
Nel weekend i musicisti animano i mercatini del quartiere come Columbia Road, una via pittoresca che ogni domenica si colora di piante e fiori e Broadway Market, vetrina di sapori e culture da ogni dove, dalla gastronomia africana a quella asiatica e europea.
Mentre Brick Lane, luogo di perdizione per gli amanti del vintage, è un’occasione unica per conoscere stilisti emergenti e fare shopping a budget ridotto, soprattutto la domenica quando apre il suo famoso mercato.
A pochi passi da lì, si trova un’altra delle vere gemme di Hackney: una fattoria/agriturismo creata da una famiglia italiana per offrire un’esperienza rurale nel cuore della citta'.
Londra è la città più verde d’Europa, con oltre 100 giardini e 8 parchi. Quando il tempo lo permette, le persone si recano al parco per rilassarsi, fare sport o un barbecue in compagnia degli amici. D’estate sono affollati come le nostre spiagge italiane.
Altro esempio di riqualificazione urbana, il canale di Regent: un tempo ghetto pericoloso e inaccessibile, tristemente noto per Jack Lo Squartatore, oggi è meta di richiamo per chi cerca un’oasi di tranquillità lontano dal caos metropolitano. Lungo le sue sponde sono attraccate numerose houseboats, le case dei londinesi “alternativi” ma anche ristoranti e negozi galleggianti di ogni genere, in pieno spirito londinese.
Il modo migliore per spostarsi in quest’area è con la bicicletta. Anche un turista può noleggiare,al costo di poche sterline, una bicicletta in una delle tante postazioni sparse per la città.
In continua evoluzione, l’est di Londra non finirà mai di stupire con le sue novità.
------------
Il più recente reportage di Gloria Aura Bortolini su Rai 3: 
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-02a21db0-d21b-4b70-afe9-e90a2849157d.html

comments

Stefano Pelaggi parla dell'Italcable creata con i soldi degli emigrati italiani in Argentina

Sample image Il Vicedirettore de L'ITALIANO, Stefano Pelaggi è stato chiamato come relatore al Convegno "L'Italia e Romania prima della Prima Guerra Mondiale" all'Istituto di Studi Italo-Romeno a seguito del suo articolo sul giornale "Gli emigrati italiani in Argentina hanno regalato all'Italia la compagnia telefonica, l'Italia se la sta svendendo". Nell'articolo Pelaggi raccontava come furono gli emigrati italiani in Argentina sentivano l'esigenza di avere collegamenti veloci ed affidabili tra la madre Patria e l'America del Sud sull'onda del disappunto provocato dal notevole ritardo con il quale laggiù si era appresa la fine della Prima Guerra Mondiale con la vittoria italiana sugli austriaci, notizia che oltretutto non era giunta direttamente dall'Italia ma da un collegamento via Londra. Quindi ffurono loro a finanziare il progetto di Giovanni Carosio (anch'egli italo-argentino) che portò alla realizzazione dell'Italcable, dalla quale derivò in seguito Telecom Italia.
Il Convegno si svolge a Roma presso l'Accademia di Romania il 13 Novembre dalle 15:30 alle 19 in collaborazione fra Università romene e Sapienza Università.

Sample image

comments

Un'eccellenza italiana nel mondo in gemellaggio con la Royal Philharmonic Orchestra: "Musica e neuroscienze"

Il progetto scientifico Musica e Neuroscienze sale sul podio di una fra le più prestigiose orchestre britanniche: la Royal Philharmonic Orchestra che vanta come Patron il Duca di York. Una tradizione artistica d’eccellenza che dà un contributo essenziale alla Scienza attraverso una serie di concerti diretti dal M° Alessandro Fabrizi.

comments

Leggi tutto...