Dom02192017

Last updateGio, 02 Feb 2017 9am

Il nostro corpo diplomatico in Argentina non piò essere accusato di parzialità

Noi de L'ITALIANO siamo d'accordo col comunicato dei rappresentanti istituzionali della Comunità
“Con profonda perplessità e grandissima amarezza abbiamo letto stamattina l’articolo che con il titolo 'Tutti i trucchi del governo per i voti in Argentina' apparso oggi su Il Giornale. Perplessità perché noi, che viviamo in Argentina, siamo parte attiva di questa numerosa collettivitá italiana, non abbiamo nessun dubbio sulla professionalità , onestà e imparzialità dell’attuale Corpo diplomatico consolare italiano in Argentina. Non c’è stata nessuna lettera a firma di funzionario diplomatico consolare invitando a votare in una o altra maniera nel referendum. Un corpo diplomatico serio e operoso come quello italiano in Argentina non si merita un attacco così che è privo di fondamento. Una delle massime della professionalità del lavoro giornalistico è la verifica delle fonti”. Così in una nota Mariano Gazzola – Vicesegretario per l’America Latina del CGIE; Dario Signorini – Presidente del InterComites Argentina; i consiglieri Cgie Marcelo Romanello, Marcelo Carrara, Guillermo Rucci, Rodolfo Borghese, Juan Carlos Paglialunga, Gerardo Pinto e il Presidente del Comites di Rosario Franco Tirelli, in risposta all’ennesimo attacco al voto all’estero.
“Abbiamo provato amarezza – scrivono – perché queste denunce lanciate all’aria non hanno altro scopo che essere lo strumento per l’ennesimo attacco al voto all’estero (in mezzo a una campagna referendaria che sembra non avere alcuna razionalità), diritto costituzionale che la lungimiranza di un grande politico quale Mirko Tremaglia – uomo formato nei più cari valori dell’italianità – ha donato all’Italia. Voto all’estero, – concludono i rappresentanti argentini – che oggi nessuna nazione tra le più progredite al mondo nega ai propri cittadini oltre frontiera”.

comments