Gio04192018

Last updateLun, 02 Apr 2018 11pm

Yo estoy encantado de mis origenes italianas!

TULLIO ZEMBO - Jorge Rizzo è il Presidente del Colegio Público de Abogados de la Capital Federa, l’Ordine degli avvocati più grande del Sud America e uno dei più grandi al mondo.

Lei è di origine italiana.
(Sorride) I cognomi dei miei avi sono Rizzo, Zino, Patane, Catanzaro. Tutti cognomi sono italiani. I miei otto bisnonni venivano dall’Italia. Veramente sette venivano dall’Italia e uno era figlio di italiani, una bisnonna infatti era figlia di italiani arrivati durante la prima emigrazione nel lontano 1890. In me vincolo dell’italianità è totale...

Le famiglie hanno ancora contatti con l’Italia?
Fino a poco tempo fa sì. Fino alla morte di mio nonno, veramente già sono passati ventidue anni. Sì, c’era un vincolo stretto fra le famiglie, lui si recava in Italia tutti gli anni e il “contatto” si manteneva perché lui aveva la sua famiglia in Italia. Poi, con la sua morte, il legame si è andato via via affievolendo. Poi con la morte della mia mamma, figlia di quel nonno e del fratello di lei, i contatti sono spariti del tutto e io non ne ho più.

Stiamo parlando del nonno Rizzo?
No, del nonno Zino di Catania o di Messina.

Lei conosce Catania, Messina, la Sicilia?
No, io non ci sono mai stato. Non amo viaggiare, rifuggo ai viaggi. Al massimo vado a a Mar del Plata. Mi piace molto Buenos Aires, adoro questa città e, incluso in vacanza ,preferisco starmene qui e in nessun altro posto.

È per via degli impegni con  il “Colegio de los Abogados”?
No, no. Anche quando non viaggiavo neppure quando non avevo la responsabilità della Presidenza dell’Ordine. Proprio mai mi è piaciuto viaggiare. Naturalmente ho letto e visto tanto sull’Italia che credo di “esserci stato“ in qualche modo. Poi ho un altro vincolo con l’Italia essendo laureato presso l’ Università del Salvador della Congregazione dei Gesuiti, che era la congregazione religiosa di Papa Francesco quando era Monsignor Jorge Bergoglio e aveva a suo carico, dal punto di vista teologico, l’ Università. Insomma, in un modo o in un altro, i legami con l’Italia sono sempre nella mia vita. Anche con l’Ordine di San Ignazio di Loyola, con cui abbiamo un vincolo molto stretto, tutto ci riporta all’Italia.
 
Ha anche rapporti sul piano professionale con l’Italia?
Ceretamente. Abbiamo molti rapporti con varie e prestigiose Università italiane, sono venuti a trovarci rappresentanti del Consiglio Superiore della Magistratura italiano, abbiamo accordi bilaterali di cooperazione con vari ordini degli avvocati di varie città d’Italia, ad esempio di Milano, Firenze e Roma. La nostra politica è una politica di “porte aperte” alla collaborazione ed alla crescita per i nostri avvocati, ê quasi un obbligo per noi.

Prima di farle domande sulla sua attività professionale, vorrei ci spiegasse che cosa è il “Colegio de los Abogados”.
I colleghi italiani più o meno lo sanno. Noi siamo l’organizzazione che si incarica di consegnare la matricola professionale agli avvocati per la loro professione (A differenza dell’Italia, in Argentina non c è esame di stato, NdR). Storicamente l’ Ordine si limitava alla consegna della matricola e al controllo del tribunale di disciplina. Con la nostra nostra gestione (Gente de Derecho), questa entità ha ampliato la sua visione, le bbiamo dato un’ impronta “sindacale” e repubblicana oltre ad avere dotato l’Ordine di molti servizi che prima non esistevano. Dal punto di vista sindacale abbiamo difeso e difendiamo gli interessi degli avvocati, in questo momento stiamo lavorando ad una nuova legge relativa agli onorari professionali, ma abbiamo già promosso una legge sulla concorrenza professionale nella città. Dal punto di vista repubblicano abbiamo fermato un attacco del precedente Governo contro l’indipendenza del Potere Giudiziario, come era la legge “spie”, o quando è stata ottenuta la sentenza “ Halabi”, molto importante nella giurisprudenza nazionale. e quando fu la falsamente denominata “democratizzazione della Giustizia” ottenemmo una sentenza, studiata in molte parti del mondo, che porta il nome “Rizzo” perchè firmata da me;  causa che poi la Corte Suprema ha convertito in una sentenza memorabile che per noi Argentini ha un grandissimo valore, al pari del Caso Marbury contra Madison per i nordamericani.

Ci può spiegare meglio questa “sua” sentenza?
Il potere esecutivo nazionale aveva approvato una riforma legislativa per la quale i Giudici del Consiglio della Magistratura erano eletti attraverso i partiti politici. Noi presentammo una citazione in giudizio sostenendo che così si violava l’indipendenza dei giudici e la divisione tra i poteri perché che il legislativo e l’esecutivo si erano arrogati poteri non di loro competenza. Preparammo un citazione e la distribuimmo a tutti gli ordini degli avvocati nei diversi punti del paese.

E tutti presentarono la stessa causa?
Sì, più o meno, con alcune diversità, però la base era la nostra causa. E noi, attraverso l’organizzazione che presiedo- non l’Ordine bensì “Gente de Derecho” che è l’organizzazione che da sempre vince le elezioni dentro all’Ordine - ottenemmo  una prima sentenza della Giudice María Romilda Servini de Cubría, poi confermata dalla Corte Suprema di Giustizia. È con orgoglio che constatiamo che questa sentenza si studia ora in molti Paese del mondo compresa l’Italia e siamo davvero soddisfatti che sia così importante  per la storia della Giurisprudenza argentina e non solo. (Sorride) Credo che anche voi de L’Italiano possiate esserlo perché la sentenza porte un cognome italiano: Rizzo.

Appunto, siamo qui anche per questo. A nome del Comitato de L’Italiano sono qui a chiedere di farsi l’onore di accettare il Premio L’Italiano all’Eccellenza dell’Italianità.
(Visibilmente emozionato). È un onore che non merito, ma che accetto con un grande orgoglio. E, come penso pensino  tutti coloro che premiate, vorrei tanto avere accanto a me i miei nonno quando ritirerò il Premio.

E ci saranno...idealmente.
Io so che per mio nonno sarebbe più importante che averlo ricevuto lui in persona.

Questo è per noi il significato del Premio. Oltre a celebrare i meriti evidenti di persone di successo, è anche un modo per ricordarvi quella relazione molto intima fra voi e i vostri nonni arrivati qui dall‘Italia.
Per tutta la mia vita, fin da bambino, mi sono interessato delle mie radici, conosco tutta la storia della mia famiglia. Per ore ed ore mi facevo raccontare da mio padre la storia dei miei avi e ancora adesso lo faccio fare a mia zia Graziella, mia zia “Picci”. Un mio nonno era un professionista, un odontologo, l’altro conduttore di treni. Italiani di diversa estrazione sociale, ma entrambi con i valori dell’onestà e della parola data.

Proprio questo vogliamo col Premio: mettere in evidenza i ricordi ed i legami alla base della formazione della personalità delle persone di successo che premiamo.
Il mio primo ricordo è di mia nonna, figlia di italiani di cognome Catanzaro e Patane, che cantava e di mia madre che suonava il piano mentre il fratello mio zio Enrique suonava la fisarmonica ed io piccolo li guadavo affascinato. È  un ricordo familiare, un ricordo che non potrò cancellare mai. Non durò molto purtroppo perchè mia nonna mori, però quello fu il momento di maggiore felicità della mia vita. E mio zio Carlo, orologiaio e violinista, mi manca…

Dr Rizzo, lei è un professionista affermato, il Presidente di una organizzazione molto influente, il combattente di dure “battaglie”, come prima ha ricordato. Eppure la vedo così emozionato nel ricordare i suoi avi, nel parlarmi con tanta serenità della sua famiglia.
Io sono di Villa Ortúzar, “barrio” italiano o meglio che era quartiere italiano. Da una punta all’altra eravamo tutti italiani. E quei “tanos” - noi diciamo “tanos” agli italiani con molto affetto -  quei tanos avevano molti “codigos”, come dire regole di vita non scritte,  dal rispetto della parola data, all’attenzione che i più grandi dovevano prestare ai più piccoli, alla solidarietà verso coloro ai quali era andata male nella vita, al risetto dei limiti. Soprattotto: la parola era legge.
I miei pregi sono appunto il rispetto assoluto della parola data, qualsiasi cosa succeda, ed il culto dell’amicizia. Anche questi sono i ricordi di Villa Ortùzar, barrio de tanos. Ho conosciuto quei “tanos” e mi riempie di orgoglio dire che io sono uno di loro. Alcuni negano le loro origini....Yo estoy encantado de mis origenes!

comments