Mer10182017

Last updateGio, 12 Ott 2017 5pm

L'Italia manda il due di picche

TULLIO ZEMBO - I grandi della Terra sono attesi a Buenos Aires fra qualche giorno, il 10 dicembre, per la cerimonia d'insediamento del nuovo Presidente dell'Argentina. E l'Italia chi manda? Tale Maurizio Martina, pro tempore ministro dell'agricoltura che penso sia sconosciuto all'80% degli italiani. Chi manda Re e chi manda il due di picche.
Chissà come è stato scelto Martina, forse perché era il suo turrno di viaggiare o forse perché si chiama Maurizio come Macri.
Peccato, un'altra occasione sprecata. Invece di approfittare del nuovo clima d'apertura impersonificato dall'italo-argentino Mauricio Macri, il capo del governo italiano si comporta da segretario del PD e si adegua a quanto manifestato dal circolo di Buenos Aires del suo partito, secondo il quale con la sconfitta di Cristina Kirchner sarebbero finiti “gli anni di progresso economico, sociale e civile, che hanno avuto come risultato l’inclusione di molte persone”, ma “prima o poi il popolo argentino e le forze che lo rappresentano, tra cui il Pd – Buenos Aires, resisteranno all’avanzata della destra”.
Povera Italia.

comments